Pages

Barletta – Andria Bat, il derby si tinge di biancorosso, al “Puttilli” finisce 3-2

di Nicola Ricchitelli
Barletta (4-4-2): Gabrieli; Masiero, Ischia, Lucioni, Frezza; Simoncelli, Guerri (dal 85' Geroni), Rajcic, Bellomo; Infantino (82' Margiotta), Innocenti (65' Agnelli). A disposizione: Tesoniero, Cerone, Lorusso, Maino. Allenatore: Cari. Andria Bat (4-4-2): Spadavecchia; Fazio, Ceppitelli, Di Bari, Di Simone, Statella (26' Carretta), Moro, Evangelisti (51' Berretti), Paolucci; Del Core, Cozzolino (46' Minesso). A disposizione: Palazzi, Coletti, Pierotti, Anaclerio. Allenatore: Degli Schiavi. Arbitro: Del Giovane di Albano Laziale Marcatori: 4' e 17' rig. Infantino (B), 52' Lucioni (B), 61' Minesso (A), 87' Del Core (A) Note: Ammoniti: Di Simone. Espulsi: Ceppitelli. Angoli: 7-5. Recupero: 1'-5' Anche se è il basso profilo a far dar da padrone l’ambiente biancorosso, si ha la netta sensazione che i tre punti di ieri conquistati nel derby risulteranno essere assai decisive al volgere al termine della stagione. Nelle file biancorosse indisponibili Rana e Galeoto, mister Cari opta per Saveriano Infantino al posto del primo, e Masiero al posto del secondo, per il resto l’allenatore biancorosso conferma gli undici titolari con in porta Ugo Gabrieli, e quindi la solita linea a 4 con Masiero a destra e quindi Ischia, Lucioni e l’ex Frezza . In mediana Rajcic al fianco di Guerri mentre Simoncelli e Bellomo sulle fasce proveranno a dar fastidio assieme alla coppia d’attacco Riccardo Innocenti e Saveriano Infantino. Nell'Andria mister Degli Schiavi – al suo esordio al posto dell’esonerato Papagni - opta anch’egli per il 4-4-2 al pari del collega biancorosso: davanti a Spadavecchia quindi, agiranno Fazio Di Simone sugli esterni con Ceppitelli e Di Bari coppia centrale. A centrocampo spazio a Evangelisti dal primo minuto, e Moro confermato dopo la buona prova di Castellamare di Stabia. Sulle fasce quindi Paolucci e Statella agiranno in supporto dei due attaccanti Del Core e Cozzolino. La partita: Primo Tempo Tempo qualche minuto di studio tra le due compagini, che è la squadra ospite a farsi vedere dalle parti biancorosse con Evangelisti che manda a lato una conclusione da fuori area. Subito dopo qualche giro di orologio, è Saveriano Infantino che sfruttando una indecisione di Ceppitelli – disastrosa la prova del centrale biancoazzurro quest’oggi – si invola verso Spadavecchia depositando il pallone dell’1-0 alle spalle dell’estremo difensore dell’Andria. La reazione della squadra ospite è tutta in Delcore il quale manda un pallone alto attorno l’ottavo minuto. Ancora Andria quindi in avanti sull’asse Statela – Cozzolino, ma il cross al centro del numero undici biancoazzurro non trova la pronta reazione del partner d’attacco Delcore. Sulla fascia sinistra De simone ha il suo bel da fare con Simoncelli prima e Masiero poi, infatti proprio quest’ultimo costringerà il capitano andriese al fallo da ammonizione attorno al primo quarto di gara. Il raddoppio del Barletta arriva di lì a tre minuti, quando uno scatenato Saveriano Infantino irrompe nell’area andriese da sinistra - recuperando una palla destinata alla linea di fondo – prendendo il tempo ad un incerto Ceppitelli il quale altro non può che abbattere il numero undici biancorosso in area. Lo stesso Infantino si incarica di mettere a segno il penalty fischiato dall’arbitro Del giovane. I successivi dieci minuti sono avari di occasioni da goal - nel mezzo la sostituzione dopo appena 26 minuti di Carretta per Statella si passa al 4-3-3 con il neo-entrato al fianco di Cozzolino e Del Core - alla mezzora quindi reazione dell'Andria con Cozzolino, che in azione personale taglia il campo da destra e conclude di sinistro sul secondo palo. Un minuto piu tardi Infantino ruba palla ad un disastroso Dibari si invola verso Spadavecchia ma la conclusione verrà murata dallo stesso numero sei biancoazzurro che prontamente rimedia all’errore, quindi ancora Infantino che mette al centro per Simoncelli che imbucandosi tra Ceppitelli e Dibari spreca da buona posizione. Dalle parti biancorosse l’unico pericolo le crea le uscite e i corti rilanci del portiere Ugo Gabrieli, infatti proprio verso la fine del primo tempo, l’estremo difensore biancorosso esce male su un traversone di Cozzolino, ma gli attaccanti biancoazzurri non ne approfittano. Ancora un giro di lancetta e il portiere Biancorosso sbaglia l’ennesima uscita costringendo di fatti Frezza al fallo da ammonizione. Secondo Tempo Il secondo tempo si apre con l'innesto di Minesso al posto di Cozzolino per l’Andria, mentre al 6’ Berretti – sempre per i biancoazzurri - rileverà Evangelisti, squadra ospite quindi che prova a dare un senso alla trasferta nella città della disfida. I biancoazzurri provano ad attaccare e a fare la partita, al 7' Del Core va vicino al goal: ma il numero 9 andriese impatta un cross teso di Minesso da destra ma non trova la porta. Le velleità degli andriesi andranno a spegnersi un giro di lancette piu tardi quando Bellomo da calcio d’angolo mette sulla testa di Lucioni – sfuggito alla marcatura di Ceppitelli - la palla del 3-0. Qualsiasi conoscitore di calcio nonostante corsi e ricorsi storici – calcistici griderebbe alla “Partita chiusa”, ma cosi non sarà, infatti un mai domo Cozzolino attorno al 15' si propone con una nuova azione sulla destra concludendo dalla linea di fondo con un destro teso. Ma sarà al 18' che l'Andria accorcia le distanze con Minesso il quale incrocia al volo un cross di Paolucci proveniente dalla destra e mette alle spalle di Gabrieli. Accesa la flebile fiamma della speranza per la rimonta questa si spegne del tutto con l’espulsione di Ceppitelli il quale interviene duramente su Bellomo. Nel mezzo Mister Cari per il Barletta inserisce Agnelli al posto di uno spento Innocenti passando dal 4-4-2 ad un 4-3-3. La partita potrebbe chiudersi attorno la mezzora quando Bellomo con un contropiede fulmineo si fa ipnotizzare da un strepitoso Spadavecchia, e al 33', quando anche Moro costretto a dare forfait lascia la squadra andriese in 9 non potendo più fare sostituzioni. Quindi ancora un'altra ghiotta occasione per Bellomo., che al 38' rientra da sinistra e dal limite cerca l'angolo lontano sfiorando il palo. Qualche minuto piu tardi Marco Cari da la meritata passerella a Saveriano Infantino il quale esce tra gli applausi del “Puttilli” al posto di Margiotta e quindi Guerri per Geroni. Al 43' Lucioni atterra Carretta in area e concede all'Andria l'occasione utile per riportarsi sotto. Del Core realizza il penalty, Puttilli raggelato e impaurito dalla possibilità di una beffa che sa tanto di Cavese. Nei minuti finali quindi i biancorossi riescono a ricompattarsi e addirittura sfiorare la quarta segnatura prima con il palo di Simoncelli, e sempre con lo stesso numero 7 biancorosso che a tu per tu con Spadavecchia si fa ipnotizzare da quest’ultimo. Dopo 5 minuti di recupero il signor Del Giovane di Albano Laziale mette fine alle ostilità, per la gioia del popolo biancorosso. 
 

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.