Pages

Rui Costa:addio al calcio

Manuel Rui Costa si e' ritirato ufficialmente dall'attivita' agonistica: ieri ha giocato la sua ultima partita con il Benfica. 'Essermi ritirato davanti al mio pubblico - ha detto l'ex di Fiorentina e Milan - mi riempie d'orgoglio. Sono fiero della mia carriera, anche se per me e' un giorno molto triste'. Rui Costa e' cresciuto nel Benfica, poi ha giocato per 12 anni in Italia, per poi tornare a Lisbona. Ora inizierà la carriera da dirigente sempre nel Benfica.

Qui il resto del post
La Fiorentina saluta Manuel Rui Costa La Fiorentina saluta l'ultima gara ufficiale di Manuel Rui Costa, che questa sera chiuderà la sua carriera con la maglia del Benfica Rui Costa è stato protagonista con la maglia viola dal 1994 al 2001 con 215 presenze, 38 goal in serie A, 2 Coppe Italia e la SuperCoppa Italiana vinta nel '96.
"Caro Rui,
tutta la famiglia della Fiorentina ti abbraccia nella sera del tuo addio al campo di gioco. Tu hai regalato a Firenze emozioni uniche e noi né abbiamo ricevuto l¹eredità. La maglia numero 10 ha per noi un significato particolare al quale con la tua serietà e la tua professionalità hai contribuito in maniera indelebile.
Siamo sicuri che il tuo futuro ti regalerà comunque tante soddisfazioni in coerenza con quella che è stata la tua carriera fino ad ora.
Grazie per quello che hai dato a Firenze e un augurio sincero ad uno dei più grandi campioni della nostra storia".
ACF FIORENTINA

Il Milan ha inviato una lettera al campione portoghese firmata da Adriano Galliani:
"Caro Rui,
l'ultima partita da calciatore professionista porta con sè emozioni forti e contrastanti. La gioia di poter giocare davanti a tifosi che ti amano, di avere tra loro i tuoi familiari e tanti amici si contrappone al naturale velo di tristezza che accompagna il pensiero di una grande carriera che sta per finire.
Sappiamo che non lascerai il mondo del calcio e che il mondo del calcio potrà ancora contare su un grandissimo uomo, un campione che abbiamo avuto l'onore di conoscere e avere a Milanello per cinque meravigliosi anni. Qui sei diventato uno di noi, uno della grande Famiglia Rossonera: perchè tu, caro Rui, sei come il Milan, leale e appassionato, generoso e caparbio, imprevedibile e innamorato di questo meraviglioso sport. Sei tornato in Portogallo per una scelta di vita, ma non ci siamo mai allontanati da te e non lo siamo nemmeno in questa speciale serata. Perchè per noi non sei solamente un nome e un numero sulla maglia: sei anche e soprattutto il Rui che ha lasciato il Milan, Milano e l'Italia regalandoci indelebili ricordi.
Caro Rui, è impossibile dimenticarti. Per questo oggi il nostro pensiero va a te, protagonista unico della tua ultima rappresentazione sul palcoscenico del calcio giocato.
Un forte abbraccio".
Adriano Galliani

Ecco la riposta di Rui Costa, emozionato e commosso:
"Piango, piango come un bambino. Nel giorno che lascio i campi di calcio dopo 18 anni, più che la tristezza di farlo, mi resta la felicità e l'orgoglio per come sono festeggiato oggi. L'onore di essere stato giocatore della migliore squadra del mondo e vedere che non sono stato dimenticato mi fa essere un bambino molto felice. A leggere la lettera, piango emozionato e orgoglioso. Tutti voi sarete con me stasera e per sempre. Grazie, grazie a tutti voi di cuore".
Manuel Rui Costa

tratto da Calciomercatoweb

Gadget

Questi contenuti non sono ancora disponibili su connessioni criptate.